Corrispondenze

Nicola Biagetti

Attraverso l’atto del camminare il corpo viene utilizzato come elemento percettivo della fisicità dello spazio. Tracciandone i movimenti con un sistema GPS è possibile visualizzare la presenza del corpo in relazione allo spazio in un determinato lasso temporale. L’intento dell’opera è quello di indagare la possibilità di relazione tra l’uomo e lo spazio naturale con tutti gli elementi che lo plasmano.